MOROCCO - Giulia Mozzini
Reportage di fotografia scattato in Marocco
Marocco Reportage Fotografia
21687
page-template-default,page,page-id-21687,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.1,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive
Morocco
MOROCCO
Prima del mio viaggio in Marocco, a Ottobre 2016, ho letto un libro: “Le voci di Marrakech” di Elias Canetti. Mi ha colpito molto una frase, che cito:
“Quando si viaggia si prende tutto come viene, lo sdegno rimane a casa. Si osserva, si ascolta, ci si entusiasma per le cose più atroci solo perché sono nuove. I buoni viaggiatori sono gente senza cuore”
Mentre scattavo, sulla spiaggia di Essaouira e nei suq a Marrakech, non avevo in mente un progetto. Non mi figuravo una serie finita e completa degli scatti che avrei voluto. Ho scattato e basta, senza pensare, inseguendo quello che trovavo curioso o esteticamente interessante, che mi colpiva, lasciando che fossero l’ambiente e le persone a disporsi nei miei fotogrammi e a esprimere la propria anima.
Solo dopo mi sono accorta dell’estetica nuova che è emersa da questa ricerca inconscia: il Marocco, per come si presenta e come ce lo hanno sempre mostrato, è sole, polvere, contrasti cromatici forti, ombre profonde e luci abbaglianti. Qui è emerso un altro aspetto di questo Paese, attraverso una nuova rappresentazione: le ombre leggere, i colori  pastellati, i contrasti appiattiti.
Non esiste giusto, sbagliato, bianco o nero, ombra o luce. Esiste la coesione di tutto questo, una pasta di cui sono fatte tutte le cose, le persone, che è armonia ed equilibrio, che è gioia, bellezza. Il giudizio, come dice Canetti, rimane a casa. Se non lo avessi lasciato a casa, se non avessi appiattito e zittito le convinzioni e i preconcetti che provengono dal nostro contesto culturale, se avessi camminato per piazza Jemaa el Fna  con la mia idea di Marocco in testa, che corrispondeva in tutto e per tutto allo stereotipo che è stato diffuso, non avrei mai realizzato questi scatti.
Alleggerire, semplificare, aprire.Essere liberi permette di cogliere ciò che non era ancora stato colto e portare alla luce ciò che non è mai stato raccontato. Marocco è ancora pace, Marocco è anche armonia.